Fiore Salvatore

La cava del cavaliere Salvatore Fiore ha origine fin dai primi del XX secolo.

Personaggio di primo piano nel panorama economico sardo, Salvatore Fiore, è stato protagonista di una vicenda imprenditoriale singolare che lo ha visto, da umile scalpellino, giungere ad affermarsi come uno dei più autorevoli e importanti industriali del granito a livello mondiale.

Nato a Buddusò nel 1936, egli ha vissuto un’infanzia fortemente caratterizzata dalle modeste condizioni della sua famiglia, fu solo grazie ad una ferrea volontà di migliorare la propria posizione, che egli poté nel 1961 registrare la sua ditta alla Camera di Commercio con la denominazione “Salvatore Fiore – Estrazione e lavorazione granito”. Nel 1966 il granito della cava di Salvatore Fiore fu scelto per il restauro della pavimentazione e della facciata del Duomo di Colonia; fu il primo di una serie di traguardi che vide poi il granito di Salvatore Fiore giungere fino a mercati lontanissimi, come quello statunitense e giapponese.
Nel 1968 Salvatore Fiore era il più importante imprenditore del settore in Sardegna, primo fra tutti egli aveva intuito la necessità di una piena modernizzazione dell’azienda, sia per l’estrazione che per la lavorazione. Ha sempre cercato le tecnologie più all’avanguardia del settore ed ha avviato rapporti commerciali con industriali di tutto il mondo, che hanno potuto riconoscere ed apprezzare la qualità del granito grigio perla estratto nella sua cava, prodotto assolutamente unico nel suo genere. E’ mancato nel 2012 lasciando alla famiglia l’attività che gli eredi esercitano con la grinta ed entusiasmo trasmessi dal fondatore.

primo tentativo di taglio a filo       attuale coltivazione con taglio a filo       primi derrick a puntoni
primo tentativo di taglio a filo       attuale coltivazione con taglio a filo       primi derrick a puntoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"